Knowledge Management

 

KnowledgeManagement Knowledge Management

le informazioni e i processi: un patrimonio da difendere

  • La gestione delle conoscenze e delle informazioni, o Knowledge Management, è il settore cruciale di una moderna organizzazione

  • Per massimizzare il valore dell’informazione all’interno di un’organizzazione è necessario che tutto quello che deve essere conosciuto dai singoli sia messo a disposizione nel modo più semplice e attraverso modelli di classificazione chiari e univoci.

  • Le informazioni, difficili da archiviare, reperire, capire e comunicare, devono divenire esplicite, facili da descrivere, codificare, documentare e soprattutto da reperire e condividere. 

  • Secondo la definizione del Gartner Group, il  Knowledge Management è promuovere un approccio integrato per identificare, catturare, recuperare, condividere e valutare tutto il patrimonio informativo presente in un’azienda. Questo patrimonio informativo include i database, i documenti, le procedure ma anche le competenze e l’esperienza presente nella testa dei singoli che vi lavorano”.

  • Ecco perché Problem Solving S.r.l., forte della propria esperienza decennale, offre i propri avanzati servizi di Knowledge Management, la nuova specializzazione informatica che si occupa di gestione e distribuzione delle informazioni

Lo strumento migliore, davvero perfetto per il Knowledge Management, è stato indubbiamente Lotus Notes, il più famoso prodotto di Groupware, utilizzato da New Problem Solving fin dal 1994. Oggi si utilizzano invece piattaforme WEB based, che consentono le stesse funzionalità ad un costo molto più basso e continuamente integrato e migliorato dalla community open source.

Gli strumenti informatici per il Knowledge Management prevedono infatti funzionalità integrate di:

  • Groupware, per la raccolta, l’organizzazione, la condivisione di informazioni (documenti, e-mail, messaggistica, calendari di attività, progetti, aree di discussione…) e la distribuzione facilitata delle stesse agli utenti che ne hanno bisogno (anche con visualizzazione su Intranet). 

  • Motori di ricerca, per il recupero di informazioni all’interno dei documenti aziendali.

  • E-learning, per l’aggiornamento professionale del personale.

  • Workflow, per i processi autorizzativi che velocizzino i flussi di approvazione in modo guidato, automatizzato e assolutamente sicuro, utilizzando il sistema di messaggistica nativamente integrato in Notes per potenti funzioni di notifica automatica nei vari status del processo.

  • Data warehouse, per l’archiviazione di informazioni storiche che aggreghino i dati di dettaglio presenti nei database aziendali consentendo successive analisi veloci e flessibili.

  • Data mining, per la ricerca di relazioni nascoste fra i dati e la individuazione di tendenze.

  • Business intelligence, per l’analisi dei dati su diversi livelli di dettaglio, finalizzata al supporto delle decisioni di business

  • Statistiche (SLA), per la misurazione delle prestazioni aziendali.

  • Sistemi di reporting, con viste statistiche dinamiche e condivise per il reperimento delle informazioni

L’obiettivo del Knowledge Management, o gestione della conoscenza, è in definitiva quello di  aumentare il quoziente intellettivo dell’azienda. 

Per concludere, citiamo una frase di Bill Gates: “Il potere non deriva da un sapere custodito, bensì da un sapere partecipato.”

Print Friendly, PDF & Email